domenica 12 aprile 2009

Mancato avvio di APT Key Manager

Se avete installato su Ubuntu Intrepid (ma forse il problema è presente in Jaunty) il pacchetto gui-apt-key per poter autenticare comodamente attraverso un'interfaccia grafica i repository di terze parti (maggiori informazioni qui) avrete notato che avviando il programma da ApplicazioniStrumenti di sistemaAPT Key Manager viene mostrato il seguente messaggio di errore:
Impossibile lanciare la voce di menù
Esecuzione del processo figlio "/usr/bin/su-to-root" fallita (Nessun file o directory)

Il problema è dovuto al comando di esecuzione inserito nel file /usr/share/applications/gui-apt-key.desktop (che è il collegamento presente nel menu). Il comando in questione è, ovviamente, su-to-root. Si tratta di uno script bash che si può ottenere installando il pacchetto menu (fonte). L'installazione può essere fatta tramite Synaptic oppure nel terminale con il comando
sudo apt-get install menu

Se volete evitare di installare il pacchetto menu (che comunque pesa solo circa 400 kB) potete risolvere il problema o modificando direttamente il file del collegamento, in particolare la chiave Exec così come spiegato più avanti, oppure per via grafica. Per seguire quest'ultima strada dovete fare clic con il tasto destro sul menu principale (dove c'è scritto Applicazioni | Risorse | Sistema) e poi selezionare Modifica menu. Si può avviare lo stesso programma da terminale con il comando
alacarte
Quindi sulla sinistra selezionate Strumenti di sistema, e sulla destra selezionate APT Key Manager, quindi fate clic sul pulsante Proprietà sulla destra. Nella finestra che vi si aprirà dovete modificare il comando
/usr/bin/su-to-root -X -c /usr/sbin/gak
in
gksu -u root /usr/sbin/gak
cioè così com'era nella versione 0.3 presente in Ubuntu 8.04.

Questo piccolo bug è stato segnalato su Launchpad (https://bugs.launchpad.net/ubuntu/+source/gui-apt-key/+bug/282185)

4 commenti:

I commenti inseriti vengono lasciati dall'autore degli stessi accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale.
Il curatore del blog si riserva la possibilità di eliminare messaggi contenenti frasi offensive o spam.